All’Ermitage Bel Air Medical Hotel di Abano Terme, anche quest’anno premiato come albergo più accessibile d’Italia, soggiorni protetti e sicuri.


L’Ermitage Bel Air Medical Hotel di Abano Terme, pioniere nel settore ospitalità senza barriere, per il quinto anno premiato come miglior albergo accessibile d’Italia.
Il valore sociale dell’ospitalità inclusiva ai tempi del Covid.
Novità Inverno 2020: Programma Silver Age, soggiorni protetti e sicuri per la salute attiva e autonoma degli Over 65.
L’offerta include il confort di un hotel e la garanzia di un presidio medico specialistico di riabilitazione e medicina fisica interno alla struttura.


L’Ermitage Bel Air Medical Hotel di Abano Terme si conferma per il quinto anno consecutivo miglior albergo accessibile d’Italia, aggiudicandosi ben due primi premi ai “Village For All Awards”, gli “Oscar dell’accessibilità”. Lo storico hotel dell’area termale euganea è stato premiato come migliore nella sezione Mobility (riservata a strutture che hanno investito nell’abbattimento delle barriere architettoniche) e nella sezione Senior Citizen Awards, che premia strutture che hanno realizzato servizi e ausili per garantire un’ospitalità attenta e inclusiva agli Over 65.

Accoglienza senza barriere

I due importanti premi – assegnati nell’ambito dell’Hospitality Day al TTG di Rimini- confermano la leadership dell’Ermitage Bel Air nel settore dell’accessibilità e premiano l’impegno della famiglia Maggia, che ne è proprietaria da 4 generazioni, nella realizzazione di servizi da offrire a tutti gli ospiti, compresi coloro che hanno deficit motori, senza limiti di età. L’Ermitage Bel Air è infatti pioniere nel settore ospitalità inclusiva. Le sue proposte nel settore del turismo accessibile, avvalorate dalla certificazione di qualità V4ALL, costituiscono un’opportunità unica in Italia per quanti – in presenza di piccoli o gravi deficit motori – fino ad oggi hanno pensato di dover rinunciare al piacere della vacanza o di non poter accedere ad una offerta di terme e benessere davvero per tutti.

La consulenza dei massimi esperti del settore e la capacità di integrare terme e benessere con un servizio di medicina specialistica altamente qualificato sia in ambito preventivo che riabilitativo si sono rivelati l’arma vincente per una nuova idea di turismo totalmente inclusivo specificatamente dedicato alla promozione di salute, autonomia e vita attiva. All’Ermitage sono accessibili non sono solo le camere, realizzate secondo i concetti dell’Universal Design, ma anche le piscine, le terme, il reparto benessere e tutti gli ambienti comuni, oltre ovviamente all’area medica Ci sono poi un comodo servizio di medicina di base per le piccole esigenze del quotidiano, un’équipe di medici specialisti in ortopedia, fisiatria, neurologia e dietologia, uno staff di oltre 20 operatori tra estetiste, masso-terapisti, laureati in fisioterapia e laureati nelle scienze motorie che si dedicano non solo al relax e alla bellezza, ma anche al movimento, alla prevenzione e alla riabilitazione altamente qualificata per chi vuole ottenere un reale miglioramento di autonomia e qualità della vita. In caso di necessità viene garantita anche l’assistenza infermieristica e socio sanitaria, grazie alla presenza continuativa diurna dalle 7.30 alle 19.30 di infermiere professionali a supporto dei clienti più fragili.

Quando la vacanza è salute, in tutta sicurezza

L’albergo più accessibile d’Italia, unisce il confort di un hotel con la garanzia di un presidio medico specialistico di riabilitazione e medicina fisica per vivere con gli altri in modo sicuro e inclusivo. “Nonostante le difficoltà dettate dall’emergenza Covid – spiega Marco Maggia- dal 4 maggio siamo stati sempre aperti riuscendo a offrire, ospitalità, terme, benessere e riabilitazione a tutti i nostri ospiti, in totale sicurezza. Le nostre procedure di prevenzione hanno dimostrato di garantire la migliore esperienza di salute e benessere per oltre 6 mesi a migliaia di clienti, che non hanno dovuto rinunciare al piacere della nostra ospitalità e ai benefici delle nostre cure.”  Per continuare a offrire qualità del servizio e sicurezza, durante la stagione invernale l’Ermitage – con i suoi 25.000 mq di estensione fra interni e parco e 1.200 mq di piscine termali interna ed esterne – utilizzerà solo il 30% della sua capacità ricettiva totale per erogare in modo sicuro tutti i servizi, intrattenimento incluso. A partire dal 1° Novembre, Natale e Capodanno compresi,non accetterà quindi più di 80 ospiti e resterà aperto ininterrottamente anche nei mesi di bassa stagione d‘inizio 2021. L’obiettivo, anche in un momento così complicato, è non abbandonare le persone più fragili, spesso affette da disabilità croniche o temporanee connesse con l’invecchiamento. Proprio nel periodo invernale la crescita dell’emergenza epidemica rischia di rinchiudere queste persone in totale solitudine con l’impossibilità di garantire loro la continuità assistenziale e riabilitativa. Per loro la sedentarietà e l’isolamento possono avere effetti particolarmente gravi. Quando il sistema sanitario nazionale deve concentrarsi sulle emergenze e sulle acuzie, queste persone si trovano sole e abbandonate con evidenti difficoltà nella gestione domiciliare delle loro patologia ed un grave carico sociale per le famiglie. “Negli ultimi 15 anni abbiamo dimostrato di essere una valida alternativa – spiega Marco Maggia – e quindi pur con il rischio di affrontare un periodo davvero antieconomico per le strutture ricettive abbiamo deciso di non mollare il fronte e dare continuità alla nostra attività nel rigoroso rispetto di tutte le procedure di sicurezza e prevenzione del rischio contagio. L’auto riduzione all’utilizzo del solo 30% della nostra capacità ne è un esempio, unitamente alla sanificazione quotidiana di tutti gli ambienti con innovativi impianti di ozono e alla fornitura gratuita di dispositivi di protezione certificati a tutti i clienti e a tutti i collaboratori.”

Silver Age, soggiorni in sicurezza per gli Over 65

Accanto ai tradizionali programmi termali, di dimagrimento stabile ed equilibrato  e a quelli forniti dal  Centro medico-specialistico di Riabilitazione e Medicina Fisica (struttura di eccellenza unica nel suo genere specializzata nella riabilitazione in ambito ortopedico e neurologico),la novità  è il  Programma Silver Age,  rivolto agli Over 65 che desiderano trascorrere i prossimi mesi in un ambiente protetto, sicuro e sereno, godendo dell’ospitalità raffinata dell’Ermitage, con la sicurezza d’avere a disposizione un’equipe medica qualificata, terapisti della riabilitazione e delle scienze motorie, assistenza infermieristica e seguendo  un piano riabilitativo individuale e assistito anche in acqua termale (da € 970 a settimana). L’offerta include sia i servizi ospitalità alberghiera che i servizi sanitari (sempre detraibili dalla dichiarazione dei redditi). Per fornire maggior supporto alle categorie più fragili, durante la stagione invernale a partire dal 1° novembre la sorveglianza infermieristica diurna sarà garantita a titolo gratuito a tutti i clienti.


Per informazioni: Ermitage Bel Air – Medical Hotel
Via Monteortone, 50 – 35031 Abano – Teolo (PD)
Tel +39 049 8668111 – Fax +39 049 8630166 
ermitage@ermitageterme.it –  www.ermitageterme.it 
Ermitage Medical Hotel: www.medicalhotel.it
Blog: www.ricettedelbenessere.it
Responsabilità sociale: www.ilsognodieleonora.it

ALLEGATI

Condividi con